FamiliariLa famiglia in lutto e i rapporti con la scuola

La scuola fa parte della vita quotidiana dei bambini e degli adolescenti e per molti di loro l'andare a scuola sta a sottolineare che, anche in una situazione di difficoltà, di dolore e di incertezza, nella vita rimane sempre qualcosa di stabile e di affidabile.

Gli insegnanti, quotidianamente a contatto con i giovani, sono fondamentali insieme ai familiari nel sostenerli. È bene mettersi in contatto con loro e far conoscere cosa è successo in famiglia.

I docenti hanno la possibilità di offrire una protezione, un aiuto se non addirittura un percorso importante di prevenzione e di elaborazione dell’esperienza della morte, che gli allievi molto spesso vivono per la prima volta nella loro vita.

La scuola è una comunità e la famiglia può essere molto aiutata, oltre che dai docenti, anche dagli altri genitori, quando ci sono buoni rapporti e un atteggiamento di apertura.

È normale che, dopo un lutto, bambini e ragazzi per un certo tempo abbiano difficoltà a seguire con attenzione le lezioni e a concentrarsi. Se questa difficoltà persiste o se si rifiutano di andare a scuola e di rimanere in contatto con i compagni di scuola, è bene che i familiari vadano a parlare con l’insegnante di riferimento e valutare come intervenire per sostenerli.

approfondisci