Blog"COSA E' SUCCESSO A MIA MADRE", intervista alla youtuber Francesca Preani

Navigando nel web tempo fa abbiamo trovato questo video che ci ha colpiti molto. A parlare è una giovane ragazza youtuber di nome FRANCESCA PREANI che racconta il dolore per la perdita della sua mamma, pensiamo che la sua esperienza possa accomunare molti ragazzi che ci leggono e che frequentano il blog.   E' per questo che le abbiamo chiesto una intervista che lei, Grazie ancora a Francesca e ...invitiamo come sempre a lasciarci dei commenti !

Cara Francesca, ti ringraziamo per la tua disponibilità a collaborare con il nostro Progetto www.solimainsieme.it, primo e unico sito italiano interattivo dedicato a bambini e ragazzi in lutto.

Ci ha particolarmente colpito il tuo video sulla perdita di tua madre. Sei stata molto spontanea e immagino non sia facile poter parlare di un argomento così intimo e delicato davanti ad una telecamera e poi scegliere di condividerlo: cosa ti ha spinto a farlo?

Parlare in pubblico non è mai stato facile per me, diciamo che sono sempre stata un po' "impacciata", grazie al mio canale sono riuscita a superare questa cosa e sono riuscita a parlare di fronte a migliaia di persone. Condivido sui social molte cose della mia vita e da un anno a questa parte avrei voluto condividere anche questo, non so come e non so chi mi ha dato la forza di farlo e sono davvero felice di questo, perché nonostante io non sia riuscita a trattenere le lacrime, sono riuscita a parlare liberamente e in un certo senso sono riuscita a "sfogarmi" una volta per tutte.

Cosa ti ha aiutato e ti sta aiutando nel dolore?

In primis mio padre, mia nonna e i miei amici sono le persone che più mi hanno aiutato e mi aiutano, poi, non smetterò mai di dirlo, se sono sempre riuscita ad andare avanti a "testa alta" nonostante tutto è grazie alle persone che mi seguono, all'affetto che ogni giorno mi danno e al loro supporto! Voglio davvero bene a ognuno di loro.

Chi hai sentito vicino allora,con chi oggi senti di poter condividere i momenti difficili (di nostalgia, di rabbia, di rancore, di tristezza) ?

Condivido i miei momenti difficili principalmente con mia nonna, lei è la mamma di mia mamma, in un certo senso la mia "seconda mamma", nonostante la sua età è molto giovanile e riesce a capirmi sempre, inoltre, quando sbaglio, riesce sempre a farmi riconoscere i miei errori e a farmi tornare sulla retta via.

Hai parlato nel video delle frasi e degli atteggiamenti che odiavi e che ti davano fastidio nel momento subito dopo la morte di tua mamma. E adesso? A distanza di tempo, c’è ancora qualche atteggiamento o discorso che ti fa soffrire? Quali gesti avresti voluto ricevere? Quali parole avresti voluto sentirti dire?

Nonostante siano passati più di due anni mi danno fastidio esattamente le stesse parole che mi davano fastidio due anni fa, avrei voluto soltanto ricevere maggior "prudenza" con i termini usati, perché certe parole non erano adatte alla situazione che stavo vivendo.

I ragazzi che abbiamo incontrato o che ci scrivono ci dicono che non è mai facile parlare di questo argomento con gli amici perché spesso si viene giudicati “ pesanti o noiosi” a volte - cosa ben peggiore - “sfigati”, e quindi non sempre si ha la possibilità di esprimere come ci si sente. A te è capitato? Cosa consigliare ai ragazzi che, come te, hanno perso qualcuno di caro e che visitano il nostro sito e blog e che ti stanno leggendo in questo momento? Che messaggio ti senti di dare loro?

Non ho mai avuto tanti amici, anzi posso davvero contarli sulle dita della mano, ma sono SINCERI. Non si sono mai permessi e non si sarebbero mai permessi di darmi della pesante o addirittura sfigata. Credo che chi lo faccia sia una persona davvero squallida che non merita nemmeno un secondo del nostro tempo. Consiglio a tutti quei ragazzi, che come me hanno perso una persona così cara, di andare avanti, di essere forti, perché se fisicamente non è più qui vivrà sempre con noi. Non bisogna mai abbattersi, bisogna trovare quello scoglio a cui aggrapparsi e ricominciare a vivere la nostra vita, seguendo i nostri sogni e i nostri obbiettivi, perché i nostri familiari avrebbero voluto così.

Noi crediamo profondamente nel curare la memoria di chi non c’è più, per questo abbiamo creato l’albero della memoria. Ci puoi dire di te? Hai un modo speciale per ricordare tua mamma, non so un rituale, una foto o un oggetto che tieni sempre con te etc 

Porto sempre con me una foto scattata qualche giorno prima della sua scomparsa, stava male, non era nelle migliori condizioni, ma è pur sempre la nostra ultima foto e questo per me è davvero tutto. La porto sempre con me, ormai è diventata il mio portafortuna.

Un’opinione sul nostro progetto: pensi sia utile? Quale è la parte del sito che ti è piaciuta di più? Cosa miglioreresti?

Non avevo mai visto il vostro sito e mi è piaciuto davvero molto, trovo che il progetto sia interessantissimo e credo possa aiutare molti ragazzi! Sinceramente apprezzo davvero tutto e non migliorerei nulla! Vi ringrazio tantissimo per quest'opportunità e mando un bacione a tutti coloro che leggeranno quest'intervista❤️